CONTENUTO DELLA PAGINA

CULTURA E TURISMO

CULTURA E TURISMO

Struttura urbana

La natura pianeggiante del territorio e il processo di industrializzazione, avviato negli anni '70, sono due aspetti che hanno inciso, per ragioni diverse, sull'assetto urbanistico del paese.
Infatti, il primo aspetto ha consentito uno sviluppo urbano composito, il secondo ha influito modificando radicalmente la struttura caratteristica delle abitazioni e, di conseguenza, gli stili di vita degli abitanti.
La nuova struttura architettonica delle abitazioni ha fatto ''scomparire'', quasi del tutto, le case del vecchio paese, tanto che non si può parlare di un vero e proprio centro storico, ad eccezione dell'area adiacente alla Cattedrale di San Nicola e da altre aree o ''vicinati'' che le amministrazioni comunali hanno cercato di salvaguardare e tutelare.
Nonostante questa carenza di una memoria storica architettonica, fatta eccezione della Cattedrale di San Nicola, monumento del 1100, e della chiesa di Santa Maria del 1400, complessivamente, si può certamente rilevare come le nuove abitazioni, più rispondenti alle mutate condizioni di vita, conferiscano al paese, nell'insieme, un aspetto ordinato ed assai gradevole.
Infatti, salvo qualche eccezione, l'abitato è dotato di strade larghe con viali pedonali alberati, di spazi verdi attrezzati e di piazze che favoriscono l'aggregazione spontanea e permettono lo svolgersi di diverse e multiformi attività all'aperto.
Così come risultano ben integrate nel contesto le strutture dei servizi e degli uffici in generale.
Qualitativamente e quantitativamente buone appaiono le infrastrutture primarie e i servizi così detti ''a rete'': viabilità interna, raccolta delle acque bianche e nere, rete idrica, elettrica e telefonica, illuminazione pubblica, viabilità rurale, irrigazione ed elettrificazione delle campagne.
Il Comune, da tempo e nel rispetto delle norme vigenti, è dotato del Piano Urbanistico Comunale (PUC) e relativi piani particolareggiati quali quello del centro storico, piani di zona: PEEP (Piano Edilizia Economica Popolare) che comprende gli insediamenti abitativi ex L. 167, case per lavoratori dell'industria della Sardegna Centrale, nonché gli alloggi IACP (Istituto Autonomo Case Popolari).
Ai piani di intervento pubblico si aggiungono una serie di lottizzazioni private in zona C o di espansione, dove ci sono molte aree edificabili disponibili.
Per quanto riguarda le aree edificabili c'è da dire che nel paese non mancano essendo, le stesse, presenti anche in zona A (centro storico) ed in zona B (di completamento).
Nell'ambito del territorio, infine, è presente la zona destinata ad interventi di tipo artigianale, Piano per gli Insediamenti Produttivi (PIP), nonché la zona industriale, nella quale é stato realizzato il famoso agglomerato industriale del settore chimico dove sono tuttora presenti alcune attività sopravvissute alla crisi della grande industria.

Torna all'inizio della pagina

AIUTI, SOTTOMENU DELLA PAGINA E ALTRE SEZIONI DEL SITO

Torna all'inizio della pagina